Articoli Settembre 2018

LE DIECI REGOLE D’ORO PER LA SICUREZZA ONLINE

Quando si prende la patente per guidare l’auto si devono superare alcuni esami, teorici e pratici. Per navigare in Internet non è richiesto alcun esame, anche se sarebbe utilissimo. Perché? Perché, come è fin troppo facile distrarsi e causare un incidente quando non si guida con attenzione, così è altrettanto pericoloso navigare per il web senza sapere in quali rischi si potrebbe incorrere. Quindi, prima di gettarsi nel grande mare magnum dei siti e dei blog e dei social, è meglio conoscere e seguire alcune regole molto utili.

PRIMO: NON FARE SAPERE TUTTO A TUTTI

Ricordati che tu hai un’identità che riguarda solo te e nessun altro, e non è detto che un datore di lavoro o un cliente o, soprattutto, uno sconosciuto, debba sapere tutto di te. Attieniti sempre allo stretto indispensabile e non eccedere, soprattutto sui social. Qualche mal intenzionato potrebbe rubare la tua identità o usare i tuoi dati per scopi illeciti.

SECONDO: MANTIENI AGGIORNATE LE IMPOSTAZIONI SULLA PRIVACY

I marketer e gli hacker amano sapere tutto di te, per esempio quali sono i tuoi interessi per poi inviarti pubblicità indesiderate e spingerti così a fare acquisti. Devi sapere però che i browser Web e i sistemi operativi mobili dispongono di impostazioni utilissime per proteggere la privacy online. I principali siti Web come Facebook ti mettono a disposizione anche impostazioni di miglioramento della privacy, che sono un po’ difficili da trovare, ma che ci sono. Quindi abilita tutte le misure di protezione della privacy e mantienile attive.

TERZO: NAVIGA SICURO

Come non ti addentreresti mai in un quartiere pericoloso, magari di notte, sarà meglio per te non visitare siti pericolosi o che ti sembrano strani: potrebbe trattarsi di siti “esca” che i criminali informatici usano per carpirti informazioni. Il mondo di Internet è pieno di insidie ​​difficili da vedere, in cui un clic imprudente potrebbe esporre i tuoi dati personali o infettare il tuo dispositivo con malware.

QUARTO: CONNETTITI IN SICUREZZA

Assicurati che la tua connessione Internet sia sempre sicura specie quando vai online in un luogo pubblico con Wi-Fi: in ogni caso, nell’incertezza, non inserire codici o password o numeri di conto se sei seduto al tavolino di un bar.

QUINTO: SAPERE COSA SCARICHI

I criminali informatici ce la mettono tutta per indurti a scaricare programmi o app che trasportano malware e cercano di rubare informazioni. Come consiglia PCWorld, non scaricare app che sembrano sospette o provengono da un sito di cui non ti fidi: dietro uno stupidissimo giochino su FB potrebbe nascondersi un pericolo.

SESTO: SCEGLI SOLO PASSWORD STRONG

In poche parole, non inserire password facili come il tuo nome o la tua data di nascita che mezzo mondo conosce. Un software di gestione password può aiutarti a gestire più password in modo da non dimenticarle. E ricorda che una password complessa è lunga almeno 15 caratteri e mescola lettere, numeri e caratteri speciali.

SETTIMO: ACQUISTARE DA SITI GARANTITI

Ogni volta che effettui un acquisto online, devi fornire dati della carta di credito o del conto bancario, i dati cioè che i cybercriminali sono più desiderosi di rubarti. È quindi importante fornire queste informazioni solo a siti che garantiscono connessioni protette e crittografate. Una buona norma è anche quella di usare carte ricaricabili, così che, se il criminale arriva a colpire, ruberà solo quello che hai caricato, cioè poche centinaia di euro, e non tutto il tuo patrimonio. Come nota la Boston University, puoi identificare i siti sicuri cercando un indirizzo che inizi con https: (la S sta per sicuro) piuttosto che semplicemente http: questi siti possono anche essere contrassegnati da un’icona a forma di lucchetto accanto alla barra degli indirizzi.

OTTAVO: ATTENZIONE A QUELLO CHE PUBBLICHI

Ricordati che Internet non ha una chiave di cancellazione, per cui qualsiasi commento o fotografia che pubblicherai resterà nel web per sempre. Anche se rimuovi l’originale, la foto resterà comunque da qualche parte, come accade per Twitter o FB, quindi non mettere nulla online che non vorresti far vedere a tua madre o a un potenziale datore di lavoro. Soprattutto non ledere i diritti degli altri perché non è bene farlo, è contro la legge e sarai prima o poi rintracciato.

NONO: ATTENZIONE A CHI INCONTRI ONLINE

Spesso le persone usano sui social identità fasulle per adescare o per ingannare. Potrebbero anche non essere persone fisiche, ma macchine usate dai criminali per generare falsi profili. Come riporta InfoWorld, i falsi profili dei social media sono un modo popolare per gli hacker di accalappiare gli utenti Web incauti e svuotare le loro cyber-tasche. Sii cauto, discreto e sensibile nella tua vita sociale online come nella tua vita sociale privata.

DECIMO: AGGIORNA L’ANTIVIRUS

Un buon antivirus è un buon metodo almeno per segnalare la presenza di infezioni sul tuo PC o sulla tua linea internet: mantieni aggiornato il tuo antivirus e fai ogni tanto una bella scansione oppure impostala secondo dei periodi calendarizzati.

Contenuti interessanti per vivere connessi al meglio

Whatsappdown  (cosa succederebbe senza Whatsapp)

Evidenzia una società troppo impegnata nella vita virtuale dei mezzi di comunicazione, di come questi hanno sempre più importanza e che sembra vogliano prendere il posto delle esperienze e delle emozioni reali, della forte dipendenza e in alcuni casi, distacco dalla realtà, che crea l’abuso di tali mezzi.

Moby & The Void Pacific Choir – Are You Lost In The world Like Me  – Bullismo e Cyberbullismo.

Mostra i pericoli per le relazioni sociali che la Rete può avere se non usata con attenzione e quali sono i possibili pericoli relativi al cyberbullismo e alla non attenta gestione delle propria identità.

Fatti smart, tutela la tua privacy: regole per la corretta gestione/protezione del cellulare (Garante Privacy)

Mago Dave siamo noi stessi a giocare con la nostra privacy!!!

Jigsaw 8-10 years old (iscrizione su Social Network reale/virtuale)

Il fenomeno Blue Whale: consigli dal sito della Polizia di Stato.

Log In

Create an account